Dialetti italiani e persone maleducate

9 novembre 2018, Episode 144

Al dente

0:00

0:00

Dialetti italiani e persone maleducate

Al dente

Glossary

5 Comments

Comments

Brigitte - 21.11.2018

Maleducazione?

Ciao Francesca, mentre i nostri viaggi attraverso il bel paese non mi sembra che gli italiani siano maleducati. Tutti sono gentili e pronti a dare aiuto. Riguardando i bambini che corrono nel ristorante e anche gli adulti che parlano ad alta voce, penso che questa sia l'italianità. Gli italiani trattano i bambini differente che i Svizzeri. Non mando mai una cartolina delle mie vacanze, ma mi piace molto quando ricevo una. Cari saluti Brigitte

Write a reply

Mauricio - 13.11.2018

Me a piaciuto questa historia dei dialeti. L'anno ultimo quando ho andato in Giappone, alle museo di Scienza Emergente e Innovazione, ha un sperimenti culturale che parla in cinquenta anni le personne si evolverà a una unica lingua. E vero, cortesi e rispetto per gli altri, buone maniere. Qui a Nuova Zelanda la gente sei piu rispettoso, per esempio a pranzo lo avevo perso la carta di credito per strada e una donna me l'ha tornado.

Francesca - 16.11.2018

Caro Mauricio, fra cinquanta anni tutti parleranno una sola lingua?? Ma speriamo proprio di no! E, detto fra noi, mi sembra proprio difficile da realizzare. Tutti la stessa lingua, gli stessi vestiti, le stesse cose da mangiare, le stesse idee?? AIUTO!!!

Danusia - 21.11.2018

,,O tempora! O mores!"

Saluti, secondo me questo tutto era gia' in Respublica Popolare Cinese. John Lenon ne cantava la canzone ,,Imagine". Nei paesi socialisti era simile: La stessa lingua, gli stessi vestitti, le stesse cose da mangiare e sopratutto le stesse idee. Ma questo e' rotto. la gente vuole la liberta' e individualita'. Le persone maleducate sone ovunque....purtroppo...mi danno fastidio. Si puo dire come Cicerone ,,O tempora! O mores!" o come proverbio polacco ,,ecco come sara' polonia come allevare i bambini". In Polonia ci sono anche i dialetti molti ma sono simili alla lingua nazionale in modo che ci capiamo l'un l'altro. Come Walter non spedisco le cartoline tradizionale solo invia internet cartoline elettroniche. Ci sentiamo

Write a reply

Walter - 13.11.2018

la mia opinione

Quello con i dialetti è simile in Svizzera. A casa parliamo in dialetto e in ufficio proprio in alto tedesco. Scritto è molto poco in dialetto ... ci sono troppe versioni, la scrittura spesso non è unica e questo rende la lettura piuttosto difficile. No, non ho scritto cartoline per molto tempo. Troppo ingombrante e lento ..... il post ha una cartolina elettronica che puoi progettare da solo - un'idea intelligente. Se vuoi incontrare persone con un buon comportamento di autodisciplina, dovresti andare in Giappone. Un giapponese cerca prima gli errori da se stesso, non dagli altri. Ma anche a Tokyo è semplicemente impraticabile salutare tutti come a casa in un piccolo villaggio ... ce ne sono troppi persone. Sì, oggi molti bambini sono viziati, ovunque. Ma l'Italia è ancora un paese molto amico dei bambini.

Write a reply

Walter - 12.11.2018

la mia opinione

Quello con i dialetti è simile in Svizzera. A casa parliamo in dialetto e in ufficio proprio in alto tedesco. Scritto è molto poco in dialetto ... ci sono troppe versioni, la scrittura spesso non è unica e questo rende la lettura piuttosto difficile. No, non ho scritto cartoline per molto tempo. Troppo ingombrante e lento ..... il post ha una cartolina elettronica che puoi progettare da solo - un'idea intelligente. Se vuoi incontrare persone con un buon comportamento di autodisciplina, dovresti andare in Giappone. Un giapponese cerca prima gli errori da se stesso, non dagli altri. Ma anche a Tokyo è semplicemente impraticabile salutare tutti come a casa in un piccolo villaggio ... ce ne sono troppi persone. Sì, oggi molti bambini sono viziati, ovunque. Ma l'Italia è ancora un paese molto amico dei bambini.

Write a reply

Sabine - 10.11.2018

Dialetti

Quello dei dialetti ed del loro uso attuale da parte giovane della popolazione è molto interessante! Grazie!

Write a reply